La tesi secondo cui lo sciopero promosso dalla Compagnia aerea Ryanair è esimente da qualsiasi richiesta di compensazione pecuniaria.

Viene negli ultimi mesi contraddetta dai Giudice Italiani.

A tal proposito un’altra sentenza favorevole arriva dal GIUDICE DI PACE di Palermo.

In detta sentenza riconosce la compensazione pecuniaria € 250,00 per la tratta aerea percorsa, oltre le spese legali in favore di passeggero di un volo Palermo-Bologna.

Il fatto avveniva lo scorso 25 luglio 2018.

Infatti il volo aereo veniva cancellato, a causa dello stato interno di agitazione dei dipendenti della Compagnia aerea Ryanair.

La sentenza ha accolto la domanda di risarcimento del viaggiatore.

La compagnia aerea aveva respinto la richiesta di risarcimento presentata dal passeggero.

Il giudice di pace ha accolto la domanda. Secondo cui: “ Lo sciopero interno veniva proclamato parecchi giorni prima e la Compagnia aveva il diritto d’informare i passeggeri.

Nonchè riproteggerli su altri voli.

In considerazione di quanto accaduto anche Tuteladelviaggiatore è al fianco dei passeggeri per dar voce ai loro diritti.

Sciopero interno non è causa eccezionale